Design Thinking. Cos'Ŕ, come funziona

15/09/2017

 

Cos'è il Design thinking e come funziona?

Il Design Thinking è una metodologia di problem-solving creativo e collaborativo che utilizza elementi come empatia o sperimentazione per generare soluzioni innovative.

Nei paesi anglosassoni viene ormai utilizzata da un decennio in ambiti di progettazione molto ampi, che vanno dalla gestione aziendale all'ideazione di nuovi prodotti. 

In contesti complessi, l'approccio user-centered tipico del design fornisce risposte efficaci a bisogni e sfide articolati, riducendo i rischi che si corrono nel lanciare nuovi prodotti o servizi e i tempi di apprendimento.

Per semplificare, abbiamo ridotto il processo in quattro fasi principali:

1. Definire il problema

La parte più importante e anche la più complessa è definire il vero problema da risolvere.
La partecipazione del team e l'analisi di tutti gli elementi è al centro: è fatta di osservazione e di punti di vista differenti, di domande da porsi e di sospensione del giudizio. Le risposte possono essere diverse da quelle che pensavamo: bisogna essere pronti ad accettarlo.

 2: Creare molte opzioni (e prenderle in considerazione)

Il problema è comune: dalle stesse premesse, nelle stesse condizioni, lo stesso team tende a risolvere il problema nello stesso modo.
Se la soluzione è nota, ha funzionato in passato e il tempo a disposizione è poco, sarà molto difficile non sceglierla ancora una volta.

Il Design thinking richiede nuove soluzioni, anche se la più semplice è a portata di mano. E tutti gli sforzi creativi vanno valutati allo stesso modo, senza barare.
Le opportunità si intravedono da qui, ma solo se siamo disposti a metterci in gioco, tutti insieme: è dimostrato che la risposta migliore nasce quando un team di 5 persone lavora insieme per un giorno, non quando una persona lavora per conto suo per 5 giorni. 

3: Raffinare le direzioni

I risultati più promettenti vanno coccolati e protetti dai fallimenti di esperienze precedenti. Anche le migliori idee hanno cominciato da piccole: il potenziale va nutrito e sostenuto in un ambiente adatto, integrato con nuove idee, rivisto, modificato, sperimentato

4: Scegliere il vincitore 

Insomma, è quasi fatta. Ora le energie e le risorse vanno investite per ottenere i primi risultati. La nostra soluzione sarà molto probabilmente unica e nuova, simile e diverse rispetto all'idea iniziale. L'idea si testa, si realizza il prototipo, si testa ancora.

E se funziona, siamo pronti per ricominciare da capo.

 
Vuoi saperne di più? Al nostro corso di Design Thinking scopri tutto quello che c'è da sapere su questa tecnica!

Calendario dei corsi

Marzo

ROMA | Lunedý 04

Intranet management in pratica

ROMA | Venerdý 29

Experience design in pratica

Aprile

ROMA | Venerdý 05

L'infografica dalla A allo ZERO
Iscrizioni chiuse - Posti esauriti

ROMA | Venerdý 12

Progettare la UX con personas e scenari

MILANO | Lunedý 15

Experience design in pratica

MILANO | Lunedý 29

Scrivere per la UX
Iscrizioni chiuse - Posti esauriti

Maggio

MILANO | Lunedý 06

Interviste narrative: progettarle e condurle

ROMA | Venerdý 10

L'architettura dell'informazione partecipativa...

MILANO | Lunedý 13

Progettare la UX con personas e scenari

ROMA | Venerdý 17

Customer Journey Map

MILANO | Lunedý 20

Customer Journey Map

ROMA | Venerdý 24

Design Systems

MILANO | Lunedý 27

L'infografica dalla A allo ZERO

Giugno

MILANO | Lunedý 03

Le fondamenta cognitive della User Experience...

ROMA | Venerdý 07

Interaction design strategico

MILANO | Lunedý 10

Test di usabilità in pratica

MILANO | Lunedý 17

Progettare i chatbot

ROMA | Venerdý 21

Rapid prototyping in pratica

Seguici su