Cognitive UX: periferie al potere!

11/04/2017

 

Molto spesso, navigando sul web, ci capita di imbatterci in pagine web che non abbiamo mai visitato.

La scelta di restare o abbandonare è data da molti fattori, come l’assenza di informazioni utili o la complessità di lettura degli elementi che la compongono.

A prima vista alcuni elementi che si trovano nella periferia dell’immagine ci forniscono quei dati di contesto fondamentali per indurci a dare fiducia alla pagina stessa, e quindi a restare.

 

La visione è composta da due “parti”: la visione centrale (ovvero quella a fuoco, al centro dell’immagine) e la visione periferica (quella che fornisce le informazioni sul contesto di una scena).

Le ricerche dicono che la visione periferica è responsabile delle informazioni di contesto come, ad esempio, nello studio “Salotto o cucina” di Adam Larson e Lester Loschky (2009). Alcune persone dovevano decidere se l’immagine in foto fosse una cucina o un soggiorno guardando la parte centrale o periferica dell’immagine: i migliori risultati sono arrivati proprio della parte periferica.

 

salotto o cucina?

Salotto o cucina? Adam Larson e Lester Loschky (2009)

 

In tempi antichi, la visione periferica segnalava rapidamente un pericolo, fornendo quindi un aiuto eccezionale nella sopravvivenza. Pensiamo ad esempio ad un uomo preistorico che deve spostarsi in una foresta buia, circondato da animali. Prima di mettere a fuoco, la visione periferica si era sviluppata per analizzare velocemente il dato di contesto e reagire in tempi rapidissimi.

Al contrario di quello che siamo abituati a pensare, infatti, i tempi di risposta dell’amigdala (la parte del cervello che gestisce le emozioni) agli stimoli spaventosi è di 80 millisecondi nella visione periferica e più del doppio, 190, nella visione centrale (Dimitri Bayle, 2009).

La visione periferica che tante volte ci ha salvato la vita nei secoli passati è ancora oggi fondamentale. Nel web aiuta le persone a capire di cosa tratta una pagina con una sola occhiata.

 

Consiglio: inserire elementi informativi e congruenti nella periferia di una immagine o di una pagina web aiuta le persone a farsi un’idea istantanea ancora prima che analizzino i dettagli a fuoco.

 

Nei prossimi post parleremo ancora di user experience, visione, di colori, di forme e di illusioni… ottiche, naturalmente. 

[Post di Andrea Fiacchi. Leggilo su Medium]

Calendario dei corsi

Marzo

ROMA | Lunedý 04

Intranet management in pratica

ROMA | Venerdý 29

Experience design in pratica

Aprile

ROMA | Venerdý 05

L'infografica dalla A allo ZERO
Iscrizioni chiuse - Posti esauriti

ROMA | Venerdý 12

Progettare la UX con personas e scenari

MILANO | Lunedý 15

Experience design in pratica

MILANO | Lunedý 29

Scrivere per la UX
Iscrizioni chiuse - Posti esauriti

Maggio

MILANO | Lunedý 06

Interviste narrative: progettarle e condurle

ROMA | Venerdý 10

L'architettura dell'informazione partecipativa...

MILANO | Lunedý 13

Progettare la UX con personas e scenari

ROMA | Venerdý 17

Customer Journey Map

MILANO | Lunedý 20

Customer Journey Map

ROMA | Venerdý 24

Design Systems

MILANO | Lunedý 27

L'infografica dalla A allo ZERO

Giugno

MILANO | Lunedý 03

Le fondamenta cognitive della User Experience...

ROMA | Venerdý 07

Interaction design strategico

MILANO | Lunedý 10

Test di usabilità in pratica

MILANO | Lunedý 17

Progettare i chatbot

ROMA | Venerdý 21

Rapid prototyping in pratica

Seguici su